Skip to content

Botox, filler e biorivitalizzazione: quali le differenze

Botox, filler e biorivitalizzazione

Di: Studio Grassi

Botox, filler e biorivitalizzazione

I trattamenti estetici per il viso, sebbene ai non addetti ai lavori sembrino tutti uguali, hanno scopi e modalità d’azione diversi. I più diffusi e richiesti sono: botox, filler e biorivitalizzazione. 

Botox filler e biorivitalizzazione: quali le differenze?

Botox

Il botox, o tossina botulinica, è una sostanza usata in medicina per scopi terapeutici ed estetici. Agisce come un muscolo rilassante, bloccando appunto la contrazione muscolare in favore del rilassamento. Le possibilità curative riguardano l’ambito neurologico ed oculistico, con trattamenti per l’emicrania e lo strabismo, per fare solo alcuni esempi.

In campo estetico, invece, il botulino viene impiegato per ridurre le rughe dinamiche, causate dai movimenti muscolari ripetuti nel tempo. Gli effetti non sono permanenti ma durano alcuni mesi. È fondamentale scegliere un professionista per la somministrazione della tossina botulinica, così da evitare effetti indesiderati come la perdita di espressione naturale del viso.

Filler

I filler, come l’acido ialuronico, vengono usati per ripristinare il volume perduto e ridurre le rughe presenti anche a riposo. Il loro impiego spazia dalla volumizzazione delle labbra, al miglioramento dei contorni del viso, passando per l’azione rimpolpante alle guance. L’acido ialuronico è riassorbibile dal corpo nel tempo, quindi i trattamenti devono essere reiterati per mantenerne gli effetti. 

 

Biorivitalizzazione

La biorivitalizzazione migliora la qualità della pelle attraverso l’introduzione di sostanze nutritive, quali vitamine, minerali, antiossidanti e acido ialuronico, direttamente nei tessuti cutanei. Consiste in microiniezioni superficiali nella pelle del viso, del collo, del decolleté e agisce migliorando l’idratazione e la luminosità della pelle, stimolando la produzione di collagene ed elastina, che sono i principali responsabili della tonicità cutanea.

Botox filler e biorivitalizzazione: quali le differenze spiegate in breve

Mentre il botox è mirato a ridurre le rughe dinamiche bloccando i movimenti muscolari, i filler vengono utilizzati per ripristinare il volume perduto e ridurre le rughe statiche, e la biorivitalizzazione mira a migliorare la qualità della pelle attraverso l’introduzione di sostanze nutritive.

Continua a leggere:

La Biorivolumetria: Innovazione e Scienza

La Biorivolumetria: Innovazione e Scienza

La biorivolumetria rappresenta una delle tecniche più avanzate nel campo della medicina estetica del viso. Questo trattamento si distingue per la capacità di restituire
Continua a leggere...
Skin longevity

Skin longevity

Skin longevity: cos’è e come mantenerla nel tempo Tra gli ultimi trend in fatto di benessere e di bellezza c’è la skin longevity, la longevità
Continua a leggere...
I trattamenti viso più richiesti

I trattamenti viso più richiesti

I trattamenti viso più richiesti Gli ultimi trend Negli ultimi anni, in Italia si è verificato un aumento significativo della spesa per trattamenti estetici,
Continua a leggere...